6 borse di studio per laureati in discipline biomediche e affini

LORO RICERCA 19
La Fondazione A.R.M.R. bandisce 6 borse di studio per ricercatori di età non superiore ai 38 anni che vogliano partecipare a progetti di ricerca sperimentali o 
clinici nel campo delle malattie rare.
Art. 2 Le borse di studio sono annuali e sono eventualmente rinnovabili mediante bando di pubblico concorso.
Art. 3 Sono ammessi al concorso candidati italiani o stranieri laureati in biotecnologie, scienze biologiche, medicina, chimica, farmacia, chimica e tecnologia farmaceutica, informatica, ingegneria biomedica e discipline affini.
Art. 4 Per la partecipazione al concorso sono richiesti, come indispensabili, i seguenti requisiti:
- almeno una pubblicazione scientifica su una rivista internazionale con Impact Factor;
- disponibilità a svolgere la propria attività di formazione e ricerca presso il Centro di Ricerche Cliniche per le Malattie Rare “Aldo e Cele Daccò” dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Ranica (BG) e/o presso il Centro Anna Maria Astori, Parco Scientifico e Tecnologico Kilometro Rosso, Bergamo.

QUI TROVI IL BANDO

fonte: mail Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS

#18app! - Ultimo mese per iscriverti ed avere 500 euro

18 app 19
• Hai tempo fino al 30 giugno 2019 per registrarti a #18app!
• Hai tempo fino al 31 dicembre 2019 per spendere il bonus cultura.
HAI ANCORA 1 MESE PER REGISTRARTI.
Se sei nato/a nel 2000, ci sono per te 500 euro da spendere in cultura!

Il programma Bonus Cultura è rivolto a chi ha compiuto 18 anni nel 2018 e prevede 500 euro da spendere in cinema, musica, concerti, eventi culturali, libri, musei, monumenti e parchi, teatro e danza, corsi di musica, di teatro o di lingua straniera.

Il Bonus mira a promuovere la cultura tra i giovani ed è una iniziativa a cura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Sulla pagina web sono indicati modalità e store presso cui spendere il proprio bonus.

Per avvalersi dell'opportunità è necessario effettuare la registrazione su 18app con la propria identità digitale (SPID), ed iniziare a creare buoni fino a 500 euro, dopo una accurata verifica del prezzo dei beni da acquistare. Sarà generato un buono corrispondente all'importo indicato. Attraverso l'App si potrà salvare l'operazione sullo smartphone per stamparlo e utilizzarlo presso gli esercenti fisici e online che aderiscono all'iniziativa.

C'è tempo fino al 30 Giugno 2019 per registrarsi a 18app e fino al 31 Dicembre 2019 per spendere il Bonus Cultura.

Per effettuare la registrazione ed avere tutte le informazioni Vai alla fonte 

In Italia il primo casello autostradale che genera energia pulita, grazie al moto ondoso

Casello-Cordignano 19

La startup milanese Underground Power Srl  ha sviluppato  una tecnologia in grado di convertire in elettricità (corrente alternata per l’esattezza) l’energia generata dal rallentamento di un automezzo. Il tutto partendo dal moto ondoso del mare.
 
Eolica, idroelettrica, geotermica e chi più ne ha più ne metta. Le tipologie di fonti di energia rinnovabile e alternativa nel mondo sono ormai delle più disparate, ma quella ideata da un gruppo di ingegneri italiani è davvero più unica che rara. I ragazzi della startup di Paderno Dugnano (Milano) Underground Power Srl – fondata nel 2011 da Andrae Pirisi, il Ceo, e dai soci Massimiliano Nosenzo e Andrea Mario Corneo – sono riusciti a sviluppare una tecnologia in grado di convertire in elettricità (corrente alternata per l’esattezza) l’energia generata dal rallentamento di un automezzo. Come? Con quello che inizialmente era una sorta di dosso rallentatore, successivamente ottimizzato e trasformato in pedana stradale piatta. Il suo nome? Lybra.
 
Ma come funziona? E lo stesso numero uno di Underground Power Andrea Pirisi a spiegarcelo:
 
“Quando il veicolo passa sopra Lybra, la velocità e la massa del mezzo

Leggi tutto...

Garanzia Giovani: incentivi per chi assume under 30

MONEY 19
 
L'Incentivo Occupazione NEET è stato prorogato a tutto il 2019
I datori di lavoro che vogliono assumere giovani tra i 16 e i 29 anni, che non studiano e non lavorano, possono usufruire dell’Incentivo Occupazione NEET istituito dal Ministero del Lavoro nell’ambito del Programma Operativo Nazionale “Iniziativa Occupazione Giovani” per favorire l’ingresso nel mondo del lavoro dei giovani e prorogato a tutto il 2019.
L’incentivo viene riconosciuto per le assunzioni effettuate tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2019 con una delle seguenti tipologie contrattuali:
  • contratto a tempo indeterminato, anche in somministrazione;
  • contratto di apprendistato professionalizzante;
  • rapporti di lavoro subordinati in attuazione del vincolo associativo con una cooperativa di lavoro.
Il beneficio è riconosciuto sia in caso di rapporti di lavoro a tempo pieno che parziale. Restano esclusi i rapporti di lavoro domestico, intermittente e occasionale.
L'incentivo consiste nello sgravio dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro – ad esclusione dei premi e contributi Inail – fino a un

Leggi tutto...

Campagna europea #DigitalRespect4Her

DIGITAL wEB

DigitalRespect4Her è una campagna lanciata dalla Commissione Europea per sensibilizzare sulla violenza online contro le donne e promuovere buone pratiche per affrontare questo problema.
Le donne dovrebbero sentirsi sicure e rispettate online e poter partecipare con fiducia alla vita pubblica. La realtà purtroppo è un’altra: la violenza online si diffonde attraverso i social media, le applicazioni di messaggistica, i forum online, i siti per la condivisione di immagini e videogiochi. Le molestie online nei confronti di una persona generano una registrazione digitale permanente che può essere ulteriormente diffusa e difficile da cancellare. Le donne parlamentari vittime della violenza online spesso riferiscono di essere più caute e di limitare le loro attività online. L’autocensura può portare a condizionare la partecipazione delle donne al dibattito nella società e la loro influenza in politica e a minare i processi democratici rappresentativi.
La Commissione europea fa la sua parte nell'affrontare la sfida: dalla legislazione e i finanziamenti, alla promozione del dialogo tra tutte le parti interessate - industria, società civile, responsabili politici, mondo accademico e altri - per rendere l'ambiente online migliore per tutti.
E’ possibile condividere la propria storia e supportare la campagna sui social media attraverso # DigitalRespect4Her.
Una scheda informativa è disponibile anche in italiano e nelle altre lingue ufficiali UE.
VAI AL SITO